MEDEA
ultima notte
About Medea ultima notte
Eppe Argentino Mileto
Medea Ultima Notte
Production
h20,30 - August 29, 2020 - Matera (Italy)
Time
2 hours
Language
Italian

Pensare alla cultura greca è elaborare un lutto. Il distacco, l’abbandono dell’uomo da se stesso. Questa è la tragedia. Un viaggio che si compie in solitudine, che sappiamo come andrà a finire, perché annunciato: ci condurrà alla catastrofe. Perché non c’è salvezza laddove c’è la colpa. Pensare alla tragediadiventa imprescindibile.
“Medea – ultima notte” è una rivisitazione originale di una delle figure femminili più controverse. Qui non viene rappresentata come infanticida. E nemmeno come maga, fattucchiera, strega. L’opera fornisce un punto di svolta poiché assolve la donna ripercorrendo fatti e vicende sconosciuti allo stesso Giasone. E nel monologo Medea traccia a tutto tondo una realtà sconvolgente e diversa al suo sposo. Attraverso la rivisitazione degli anni vissuti insieme, la protagonista troverà la pace nel suo riscatto, poiché secondo l’autore, la storia le è debitrice.
Questa tragedia in un unico atto inizia là, dove è terminata nella scrittura di Euripide. Meglio, lancia un sasso d’inquietudine nelle certezze millenarie tramandate: Medea è un’infanticida? O è stata vittima di una cosmesi di Stato, perché i Greci del quinto secolo a.c. sentivano, attraverso la tragedia, la necessità di testimoniare la loro supremazia culturale nei confronti di quel mondo barbaro rappresentato dalla Colchide d’oriente? Avevano bisogno di un capro espiatorio? Non ci è dato saperlo, ma ci è dato certamente dubitarne. Prendendo l’abbrivio dagli studi e dagli scritti di Christa Wolf, quest’opera si distacca dal coro di tutte le rappresentazioni fin qui date in pasto al pubblico di Medea. Prende le distanze e apre la mente al dubbio. E se non fosse stata Medea ad uccidere i figli? In questa rappresentazione Medea gioca la sua ultima carta, nella sua ultima notte a Corinto, prima di andare via. Medea è vittima di un tragico scontro fra quel mondo istintuale, barbaro e selvaggio insieme e quello raffinato, colto e sapiente dei greci. In questo lavoro si mescolano amori, intrighi, scoperte, scandali, gelosie, lotte e potere. Medea, secondo questa originale interpretazione, ne è stata la vittima sacrificale. Ne viene fuori a tutto tondo un affresco di dubbi che alimenta il dubbio nello sposo, in Giasone. Non si sa se le crederà. Ma certamente, attraverso la rivisitazione e le scene del loro matrimonio, conoscerà un’altra donna che indosserà la nebride di una sua verità.

Cast
Eppe Argentino Mileto è uno scrittore, autore, drammaturgo e attore. Ha collaborato con Rai – radiotelevisione italiana....Read More
Il maestro Lello Chiacchio, ha iniziato la sua attività teatrale nell’anno 2000 costituendo per atto pubblico ...Read More
Musicista, compositore, direttore d'orchestra, arrangiatore e strumentista di musica Jazz...Read More
Nel rinascimento le nostre radici, nel presente i nostri rami. La vocalità usata nel ‘500 è caratterizzata dalla naturalezza...Read More
Nato a Fuscaldo (CS), dopo gli studi classici si trasferisce a Roma dove si laurea in sociologia ...Read More
Image and Multimedia
Romano Antonio Maniglia nasce a Sapri il 22 ottobre del 1981 e trascorre l’infanzia a Buonabitacolo (SA)....Read More
Tony Trotta si occupa di servizi per la comunicazione multimediale. Progetta e realizza ...Read More
Release Dates
29
August
2020
Cava del Sole - Matera - Basilicata - Italy
Send A Message
Commenti recenti
    Categories
    • Nessuna categoria
    Latest Posts
    Newsletter